29 Giugno 2022
Eventi
percorso: Home > Eventi > eventi

Seguimi

10-06-2022 / 30-06-2022 - eventi
Ven
10
Giu 2022
Accade al Galilei

L'acque ca nan é ffatte ngile stèje

“L'acqua che non è caduta in cielo sta”. Ciò che non è ancora accaduto, può accadere da un momento all'altro. Con questa e altre gnomai estratte dalla sapienza popolare bitontina, Melina, la anziana protagonista del corto, prova a convincere Damiano a cambiare vita, invitandolo a seguirla. Seguimi è appunto il titolo del cortometraggio presentato mercoledì 8 giugno nell'auditorium del Liceo Scientifico Artistico Galilei, in occasione della “Giornata dell'arte e dello sport 2021/2022”. Liberamente ispirato alla vicenda della signora Anna Rosa Tarantino, il corto è stato realizzato, con la sapiente guida del regista Savino Carbone, dai liceali che, in veste di attori, aiuto registi, tecnici e fotografi, hanno effettuato le riprese in vari luoghi del Centro Storico di Bitonto. Il progetto PON nasce nell'A.S. 2019/2020 con il percorso di scrittura cinematografica “Corto nelle Corti”, ideato e curato dalle prof.sse Anna Saracino e Antonella Portoghese, con la finalità di approfondire la conoscenza del territorio, della cultura e delle tradizioni locali. Le musiche originali del corto sono state realizzate dal prof. Francesco Paolo Luiso, che ha inserito in alcune scene del film il prezioso cammeo di Ah si, da te dipende dall'Antigona di Tommaso Traetta. Dopo tre anni di alterne vicende, legate all'emergenza pandemica, la perseveranza degli studenti e delle docenti è stata premiata da un risultato che ha originato un entusiastico gradimento da parte del pubblico degli studenti, avvicendatisi secondo turni prestabiliti in auditorium. Sono intervenuti alla presentazione la Dirigente Scolastica, prof.ssa Angela Pastoressa, che ha concretamente sostenuto il progetto insieme alla DSGA dott.ssa Anna D'Agostino, il coordinatore regionale di Libera, Roberto Campanelli, e il presidente del Presidio di Libera Bitonto, Vincenzo Brascia. Dai loro interventi è emerso un genuino apprezzamento per il lavoro, che affronta il difficile tema della legalità a Bitonto, evitando il taglio cronachistico e indagando piuttosto la mentalità di cui si alimenta la cultura mafiosa. La bellezza storica, linguistica, architettonica della città, di cui gli studenti mostrano di essersi riappropriati girando il corto nei vicoli e nelle corti più nascosti del centro storico, dovrebbe costituire un argine alla sottocultura mafiosa dilagante. In realtà, il Presidio bitontino di Libera due anni fa ha dovuto chiudere, non avendo più cittadini disposti a collaborare nelle attività di antimafia sociale che l'associazione fondata da Don Ciotti porta avanti con perseveranza e impegno su tutto il territorio nazionale. Una parte importante di questo impegno è proprio la memoria delle vittime delle mafie, che non va relegata e sclerotizzata nelle celebrazioni delle giornate deputate dal calendario nazionale, bensì vissuta e attualizzata concretamente, anche attraverso la realizzazione di progetti scolastici come Corto nelle Corti. I rappresentanti di Libera hanno così invitato le scuole e i ragazzi di Bitonto ad impegnarsi per la loro città, riappropriandosi della sua bellezza. A questo, in fondo, ci invitava P.P.Pasolini, quando dedicava al padre Poesie a Casarsa, la sua prima raccolta di poesie in dialetto friulano. “Fontàne d' àghe dal mè paîs. A no è àghe pi frès-cie che tal mè paîs. Fontàne di rùstic amòr.” “Fontana d'acqua del mio paese. Non c'è acqua più fresca che al mio paese. Fontana di rustico amore.”

cookie